stili di vita, vacanze

Ferragosto: ecco la top 5 dei giochi da spiaggia

15325 views Lascia un commento

Che Ferragosto  sarebbe senza giochi da spiaggia? Sono davvero tanti i modi per divertirsi al mare, sia tra amici che in famiglia.

Ma se siete stanchi dei soli racchettoni, bocce e frisbee, Vita Low Cost ha selezionato per voi i 5 giochi da spiaggia più divertenti al mondo. Alcuni sono per tutte le età e da fare alla luce del sole, per altri, invece, è meglio aspettare che i bambini vadano a letto. Si consiglia sempre la massima prudenza e il divertimento senza esagerare.

1) I SIGNORI TISPRUZZO

Due squadre composte dallo stesso numero di persone e un secchiello pieno d’acqua a metà strada tra una fazione e l’altra. I giocatori si devono disporre su una fila, uno di fianco all’altro, come a ruba bandiera. L’arbitro chiamerà un numero. I due giocatori (uno per squadra) con quel numero corrono verso il secchiello. Il primo dei due che riesce a spruzzare l’altro con l’acqua del secchiello conquista un punto per la sua squadra. Non basta essere i primi a toccare l’acqua, ma bisogna colpire l’avversario. Vince chi conquista per primo tanti punti quanti sono i suoi giocatori.

2) IL TAPIS ROULANT

I giocatori di ogni squadra (non meno di cinque e non più di dieci) si sdraiano sulla sabbia uno accanto all’altro, a pancia in su, con le braccia distese ai lati e i gomiti e i palmi delle mani appoggiati a terra. Il conduttore posa un palloncino sulla pancia del primo giocatore di ogni squadra. Al via, i palloncini devono essere fatti rotolare da un giocatore all’altro senza alzare né le mani né i gomiti da terra (pena il ritorno del palloncino al punto di partenza). Vince la squadra che riesce per prima a far rotolare il proprio palloncino oltre l’ultimo dei suoi giocatori.

3) CUCCHIAIO IN MARE!

Due squadre di quattro giocatori ciascuna. Stando nella striscia di spiaggia bagnata dalle onde, il conduttore mostra ai giocatori ventuno oggetti, che lancia poi in mare, ad uno ad uno. Gli oggetti devono avere dimensioni diverse e, soprattutto, devono essercene alcuni che galleggiano e altri che invece vanno inesorabilmente a fondo. Al via del conduttore i giocatori si precipitano in mare, a recuperare gli oggetti lanciati. Man mano che si impadroniscono di un oggetto, devono riportarlo a riva, prima di poter ripartire a prenderne un altro. Quando tutti gli oggetti sono stati riportati a terra, vince la squadra che è riuscita a recuperarne il maggior numero.

4) CONNESSIONE

Servono tre o più giocatori, un mazzo da 52 carte e un fiume di birra. Lo scopo del gioco, come spesso succede con l’alcool, è quello di far bere gli avversari. Le regole sono semplici: tutte le carte vengono smistate a tutti i giocatori, rivolte verso il basso sul banco. Così ogni giocatore riceve un suo mazzetto, ma non può guardarlo. La prima persona, per iniziare il gioco, gira verso l’alto la prima carta sopra il proprio mazzetto. Di conseguenza il secondo giocatore gira a sua volta la prima carta del proprio mazzetto. Se c’è una connessione fra le due (2) carte, esempio lo stesso simbolo (Cuore, Quadri, Fiori, Picche) o valore nominale (dal 2 al 10 più le figure, Jack=11, Donna=12, Re=13, e Asso=14), ogni giocatore beve il numero della sua carta (in sorsi). Se non c’è nessuna connessione dopo aver girato le prime carte di ogni mazzo, si riparte dal primo col girare la seconda carta del proprio mazzo, ecc. Il gioco continua a turno, finché possono esserci delle connessioni tra le carte restanti per ogni giocatore. Si consiglia la massima prudenza se decidete di divertirvi in questo modo, e la presenza di adulti se siete minorenni.

5) BOAT RACE

E’ un gioco di bevute disputato solitamente tra due o più squadre di uguale numero. Le regole variano ampiamente, ma la regola base, comune a tutte le varianti, è che le squadre bevono in serie un determinato numero di bicchieri di birra o vino, provando a finire prima dell’altra squadra. I giocatori dispongono i propri bicchieri sulla sabbia. Una volta posizionati, non possono essere toccati fino all’inizio del proprio turno. Quando un arbitro dà inizio alla gara, il primo giocatore di ogni squadra può prendere il proprio bicchiere e cominciarne a bere il contenuto. Una volta terminato, deve porre il bicchiere al contrario sopra la propria testa, così da dimostrare di non aver barato. Il giocatore seguente a questo punto può a sua volta prendere il proprio bicchiere e cominciare a bere, e così via fino all’ultimo giocatore della squadra. La prima squadra che beve per prima tutti i bicchieri di birra o di vino, vince il gioco.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Vita Low Cost seguici su Facebook e Twitter o iscriviti alla nostra newsletter.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti Low Cost

Seguici su

Iscriviti alla nostra

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *